F3VMw6NHi-EXx06dOw01LRvvM19SefbWB6daz4tkcOU

Lelen Kennel | Allevamento American Staffordshire Terrier | Amstaff | Cuccioli Amstaff | Brescia | Milano| Bergamo |Lombardia |addestramento


Vai ai contenuti

Chi è un Vero Allevatore?


UN ALLEVATORE...


Un allevatore (con la A maiuscola) è colui che ha sete di conoscenza ma non sa mai veramente tutto, uno che lotta con le decisioni di coscienza, convenienza e impegno.

Un allevatore è colui che sacrifica gli interessi personali, monetari, il tempo, le amicizie, i mobili e tappeti pregiati!!
Rinuncia alle vacanze annuali sognando una lunga e lussuosa crociera favorendo importanti esposizioni.

L’allevatore va senza sonno (ma mai senza caffè!) in ore passate a pianificare un accoppiamento o assistendo con ansia un parto, e poi, su ogni piccolo starnuto, o esulta o piange.

L'Allevatore salta cene perché la cucciolata è in arrivo o perchè i piccoli devono mangiare otto alla volta.
Ignora i fluidi del parto e mette bocca a bocca per salvare un neonato senza fiato, letteralmente soffia la vita in una piccola creatura indifesa che potrebbe essere il culmine di una vita di sogni.

Il grembo di un allevatore è un posto meraviglioso dove generazioni di orgogliosi e nobili campioni una volta sonnecchiavano.

Le mani di un allevatore sono forti e salde, e spesso sporche, ma sempre così dolci e sensibili alle spinte del naso bagnato di un cucciolo.

La schiena e le ginocchia di un allevatore di solito sono artritici dal chinarsi, piegarsi e sedersi nella cassa parto, ma sono abbastanza forti per consentire all’allevatore di esporre il prossimo cucciolo scelto ad un Campionato.

Le spalle di un allevatore sono chinate e spesso colme di abusi dai concorrenti, ma sono sufficientemente ampie per sostenere il peso di mille sconfitte e frustrazioni.

Le braccia un allevatore sono sempre in grado di esercitare con uno straccio, sostenere una bracciata di cuccioli, o dare una mano ad un nuovo arrivato.

Le orecchie di un allevatore sono cose meravigliose, a volte rosse o di forma strana (dall'essere schiacciate contro il telefono del destinatario), spesso sorde alle critiche, ma sempre ben sintonizzate per il vagito di un cucciolo malato.

Gli occhi di un allevatore sono sfocati dalla ricerca di pedigree e a volte ciechi ai difetti dei propri cani, ma sono sempre acuti ai difetti della concorrenza e sono sempre alla ricerca del campione perfetto.

Il cervello di un allevatore è nebbia sul viso, ma può ricordare i pedigree più velocemente di un computer. E 'così pieno di conoscenza che a volte fa saltare un fusibile; cataloga migliaia di buone ossature, buone orecchie e teste perfette ... e seppellisce nell'anima i fallimenti e i cattivi risultati.

Il cuore dell’allevatore è spesso rotto, ma batte forte con eterna speranza ... ed è sempre nel posto giusto!

Oh sì, ci sono allevatori, e poi, ci sono

ALLEVATORI!!!



Torna ai contenuti | Torna al menu